Il quotidiano on line lucchese Lo Schermo pubblica un lungo articolo di Gianluca Testa, titolare della rubrica “Nero China”, in cui si occupa delle novità dell’edizione 2011: tra le più importanti la possibilità di ricevere a domicilio biglietto e braccialetto (pagando una cifra di 1,5 euro per i biglietti di un giorno e 2 o 3 euro per gli abbonamenti), un “leggero ritocco” (tre euro in più rispetto all’edizione 2010 ma l’abbonamento ai quattro giorni aumenta di 4 euro) del prezzo degli abbonamenti “a causa del quinto giorno di manifestazione che costerà centomila euro in più”, la notizia che Kabir Bedi non verrà perché “l’operazione sarebbe costata circa 10mila euro” e anche l’annuncio della ‘stabilizzazione’ (assunzione) di Emanuele Vietina (direttoree dei Games) e Giovanni Russo (direttore dei Comics) con una procedura concorsuale che ha destato polemiche per i modi di comunicazione come riferisce sempre il quotidiano Il Tirreno e a cui risposto il presidente della Lucca Comics & Games srl in un’intervista che però ha suscitato perplessità. Lo Schermo comunque riporta la frase di Caredio Fra i tanti partecipanti arrivati da tutta Italia, hanno vinto loro. Evidentemente erano i migliori”.